*

Caramon77

  • Supremo Guardiano della Cambusa
  • *****
  • 1967
  • Sesso: Maschio
    • Fondatore
    • Mostra profilo
Interrogativi ed esclamativi all'interno della frase
« il: Dicembre 20, 2016, 10:35:35 »
In "Alice del Paese delle Meraviglie", la versione illustrata per bimbi piccoli, collana "Storie Classiche della Buonanotte"(Disney-Giunti), leggo:

"Ma è sempre più incuriosita e alla fine... beve. Un attimo dopo, meraviglia!, diventa piccolissima. Ora la bottiglia mi sembra enorme."

E' corretto usare questo tipo di punteggiatura?
Per lui ogni goccia che cadeva era un attimo che moriva. Sentiva il tempo scorrere dentro di lui, e ogni istante non poteva esser più ricatturato.


Al mondo ci sono solo 10 tipi di persone: quelli che capiscono il codice binario e quelli che non lo capiscono.

*

Jane Eyre

  • ****
  • 725
  • Sesso: Femmina
    • HomoChePiùReadens
    • Mostra profilo
    • Parole d'Autore
Re:Interrogativi ed esclamativi all'interno della frase
« Risposta #1 il: Dicembre 22, 2016, 01:34:01 »
Mah... premetto che non sono un'esperta di punteggiatura..
Intanto, colpisce come il sistema all'inglese di spezzare i periodi del discorso tramite i punti al posto dei più classici virgola e punto e virgola stia prendendo  selvaggiamente piede.😑
Detto ciò, a mio modesto parere, il vero errore è quella virgola dopo il punto esclamativo; ma potrebbe anche essere da considerarsi corretto. Dati i cambiamenti (impoverimenti) che l'italiano ha subito negli ultimi decenni..
Tuttavia, io avrei optato per i due punti nell'ultima riga, dato che la seconda frase esprime una condizione conseguente a quella precedente.

Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk
« Ultima modifica: Dicembre 22, 2016, 01:40:27 da Jane Eyre »
Volere è potere

*

DaG

  • *
  • 56
  • Sesso: Maschio
    • Utente nº 8
    • Mostra profilo
    • I Dragomanni
Re:Interrogativi ed esclamativi all'interno della frase
« Risposta #2 il: Marzo 29, 2017, 21:39:35 »
"Ma è sempre più incuriosita e alla fine... beve. Un attimo dopo, meraviglia!, diventa piccolissima. Ora la bottiglia mi sembra enorme."

E' corretto usare questo tipo di punteggiatura?

Il vero problema è cosa voglia dire “corretto”. Una visione prescrittiva, tradizionale, direbbe di no (punti, punti interrogativi e punti esclamativi concludono il periodo). D'altro canto, questo uso rende con efficacia l'effetto che si prefigge: interrompere un pensiero per introdurre appunto un'esclamazione. E comunque non è certo la prima volta che si vede una cosa simile.
Non dobbiamo essere chiusi verso le novità: la lingua evolve, trova nuove soluzioni e la lingua scritta tende ad accogliere possibilità espressive dal parlato e da altri linguaggi (qui ci vedo un'influenza dei fumetti o dei cartoni animati, non sorprendentemente).

Ciao a tutti,
Daniele

*

Caramon77

  • Supremo Guardiano della Cambusa
  • *****
  • 1967
  • Sesso: Maschio
    • Fondatore
    • Mostra profilo
Re:Interrogativi ed esclamativi all'interno della frase
« Risposta #3 il: Marzo 30, 2017, 08:48:19 »
Da allora ho visto più volte un uso simile a quello qui proposto. E devo ammettere che a me non dispiace. E' più difficile tentare di lanciare l'occhio al termine della frase per avvistare un interrogativo e, quindi riformularne l'intonazione.

Solo mi chiedo se sia... ehm... "corretto" usare sia l'esclamativo (o interrogativo) entro la frase che la virgola immediatamente dopo, ovvero "meraviglia!, diventa piccolissima".

Questo non mi verrebbe.
Per lui ogni goccia che cadeva era un attimo che moriva. Sentiva il tempo scorrere dentro di lui, e ogni istante non poteva esser più ricatturato.


Al mondo ci sono solo 10 tipi di persone: quelli che capiscono il codice binario e quelli che non lo capiscono.

*

sakitatu

  • **
  • 113
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Interrogativi ed esclamativi all'interno della frase
« Risposta #4 il: Agosto 02, 2018, 15:57:55 »
Solo mi chiedo se sia... ehm... "corretto" usare sia l'esclamativo (o interrogativo) entro la frase che la virgola immediatamente dopo, ovvero "meraviglia!, diventa piccolissima".

Da come lo vedo io è "corretto" a seconda degli scopi. Gadda usava soluzioni simili, in poesia (futurismo, avanguardie e simili) pure.
Nelle traduzioni italiane dei libri della beat generation (Keroauca, Ginsberb, ecc.)  tali forme vengono usate regolarmente. Sono licenze "poetiche", artistiche -dipendono dal contesto: non adatte ad una lettera commerciale  :laugh: