*

Epsilon 2.0

  • Il cappellaio matto della sala da tè, creatore di asteroidi e di cerchi nel grana
  • *****
  • 171
  • Sesso: Maschio
    • Fondente
    • Mostra profilo
Re:Che succede?
« Risposta #20 il: Dicembre 28, 2018, 13:48:41 »
Ricorda che tutto passa

*

Caramon77

  • Supremo Guardiano della Cambusa
  • *****
  • 2045
  • Sesso: Maschio
    • Fondatore
    • Mostra profilo
Re:Che succede?
« Risposta #21 il: Dicembre 30, 2018, 13:00:02 »
Tutto? Forse. Ma molte cose lasciano cicatrici. Di cui essere gelosi, probabilmente, ma in questo periodo mi chiedo se non sia troppo complicata l'esistenza che ci siamo costruiti. Osservo i bambini e capisco come dovrebbe essere il mondo... ovvero lineare: desiderio->richiesta; insoddisfazione->rifiuto; poi energia, voglia di vivere e giocare, immediatezza, godimento dell'istante presente.

Un'atteggiamento che porterebbe, probabilmente, ad una morte prematura (rispetto all'aspettativa attuale), ma dopo aver molto vissuto.

I grandi hanno mille doveri, pratiche burocratiche, pensieri, mandare giù bocconi amari, orari, procedure, inconvenienti, sopportazione, abnegazione, tasse, delusioni, sforzi.

Un atteggiamento che porta ad una morte tardiva, ma dopo aver a lungo "funzionato" spesso per altri, per lo meno al 50% per lo Stato (tra tasse all'origine del reddito e tasse al momento dell'acquisto). Poi per altri, inteso come esseri viventi, perché la presenza a questa e quella cerimonia, perché quel collega va sopportato, perché questo e quello. Poi altri inteso come altri impedimenti alla vita diretta e posseduta. Tempo buttato in trasferimenti, io per esempio quando non mi muovo in moto mi faccio un ora e mezza di bus al giorno.

Cosa resta? A qualcuno, più bravo o più fortunato di me, resta molto. A tanta umanità restano briciole, mentre fuori il sole splende, briciole del tempo che ci sembra così abbondante.

Ha senso? Oppure, senza pensare a ribellioni ed anarchia, per carità, sarebbe da ripensare un po' tutto, non per cambiare il mondo, ma per dare la possibilità, a chi lo volesse, di vivere diversamente?

O forse la possibilità già c'è? Forse con la riduzione dei beni di consumo e delle false esigenze possiamo accedere ad una maggiore libertà? Ma come, se solo per vivere è necessario lavorare piegandosi a ciò che si trova, tenendo per sé una piccola parte, e comprare almeno ciò che è essenziale, che è ulteriormente tassato, e pagare bollette che sono in buona parte tasse e non consumi... e...ccetera?
Per lui ogni goccia che cadeva era un attimo che moriva. Sentiva il tempo scorrere dentro di lui, e ogni istante non poteva esser più ricatturato.


Al mondo ci sono solo 10 tipi di persone: quelli che capiscono il codice binario e quelli che non lo capiscono.